IL NOSTRO DEBITO PUBBLICO IN QUESTO ISTANTE AMMONTA A:

giovedì 20 settembre 2007

DISSENSO

lettera trasmessa al direttore del Tg2
Carissimo Direttore del Tg 2 Mauro Mazza
Chi le scrive e uno degli organizzatori per Roma largo Agosta del V day dove,per dovere di cronaca, sono state raccolte 3280 firmea sostegno della proposta di Beppe Grillo.
Mi sento in diritto di esprimere tutto il miodissenso e disgusto su quanto lei ha dichiarato nelsuo editoriale durante il Tg2 a propositodell’iniziativa del V-day e del suo organizzatoreBeppe Grillo.
Questo mio dissenso trova giustificazione sulladefinizione dell’ente Rai che mi permetto diriportarle di seguito:
La RAI Radiotelevisione Italiana, più nota come RAI, è la radio televisione di Stato Italiano cioè la società concessionaria in esclusiva del serviziopubblico radiotelevisivo italiano. È una delle più grandi aziende di comunicazione d'Europa che opera oltre che nel settore televisivo e radiofonico in quello editoriale e cinematografico.
Come radio e televisione di Stato la RAI ha degli obblighi di legge consistenti nel produrre trasmissioni di servizio e di pubblica utilità in una percentuale oraria prefissata.
RAI ha inoltre lafunzione di riscossione, attraverso l'URAR (che opera in modo affine ad un ente esattoriale), del "canone televisivo” canone peraltro in contrasto coi principi della costituzione italiana.
Il suo giudizio su questo evento e su altri che eventualmente seguiranno dovranno rimanere patrimonio personale e non divulgato con i mezzi della TVpubblica pagata con soldi pubblici.
Spero che atti simili non si verifichino più, nel rispetto dell’attività di controllo e di imparzialitàche dovrebbe( qui il condizionale e più che d’obbligo) essere la prima prerogativa un Direttore di una testata giornalistica pubblica.

Nessun commento: