IL NOSTRO DEBITO PUBBLICO IN QUESTO ISTANTE AMMONTA A:

venerdì 29 febbraio 2008

ASTENSIONISMO ATTIVO


ECCO I RIFERIMENTI LEGALI


Tutto si basa su un'uso "PUNTIGLIOSO" della legge: D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 - Art. 104 punto 5: Il segretario dell'Ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o di allegarvi proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000.
Illustro nei dettagli il sistema DA USARE, che è già stato indicato anche da altri :
1) ANDARE A VOTARE, PRESENTARSI CON I DOCUMENTI + TESSERA ELETTORALE E FARSI VIDIMARE LA SCHEDA
2) ESERCITARE IL DIRITTO DI RIFIUTARE LA SCHEDA (DOPO VIDIMATA), dicendo: "Rifiuto la scheda per protesta, e chiedo che sia verbalizzato!"
3) PRETENDERE CHE VENGA VERBALIZZATO IL RIFIUTO DELLA SCHEDA
4) ESERCITARE IL PROPRIO DIRITTO DI AGGIUGERE, IN CALCE AL VERBALE, UN COMMENTO CHE GIUSTIFICHI IL RIFIUTO (ad esempio, ma ognuno decida il suo motivo: "Nessuno dei politici inseriti nelle liste mi rappresenta")
COSì FACENDO NON VOTERETE, ED EVITERETE CHE IL VOTO,NULLO O BIANCO, SIA CONTEGGIATO COME QUOTA PREMIO PER IL PARTITO CON PIU' VOTI!!

Riporto per correttezza del Testo Unico delle Leggi Elettorali D.P.R. 30 marzo 1957, n 361 e successive modifiche l'art.104
Art. 104
1. Chiunque concorre all'ammissione al voto di chi non ne ha il diritto o alla esclusione di chi lo ha o concorre a permettere a un elettore non fisicamente impedito di farsi assistere da altri nella votazione e il medico che a tale scopo abbia rilasciato un certificato non conforme al vero, sono puniti con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa sino a lire 2.000.000. Se il reato è commesso da coloro che appartengono all'Ufficio elettorale, i colpevoli sono puniti con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a lire 4.000.000.
2. Chiunque, appartenendo all'Ufficio elettorale, con atti od omissioni contrari alla legge, rende impossibile il compimento delle operazioni elettorali, o cagiona la nullità delle elezioni, o ne altera il risultato, o si astiene dalla proclamazione dell'esito delle votazioni è punito con la reclusione da tre a sette anni e con la multa da lire 2.000.000 a lire 4.000.000.
3. Chiunque, appartenendo all'Ufficio elettorale, contravviene alle disposizioni dell'articolo 68, è punito con la reclusione da tre a sei mesi. 4. Chiunque, appartenendo all'Ufficio elettorale, ostacola la trasmissione, prescritta dalla legge, di liste elettorali, di liste di candidati, carte, plichi, schede od urne, ritardandone o rifiutandone la consegna od operandone il trafugamento anche temporaneo, è punito con la reclusione da tre a sette anni e con la multa da lire due milioni a lire quattro milioni.
5. Il segretario dell'Ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o di allegarvi proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000.
6. I rappresentanti dei candidati nei collegi uninominali e delle liste di candidati che impediscono il regolare compimento delle operazioni elettorali sono puniti con la reclusione da due a cinque anni e con la multa da lire 2.000.000 a lire 4.000.000.
7. Chiunque, al fine di votare senza averne diritto, o di votare un'altra volta, fa indebito uso del certificato elettorale è punito con la pena della reclusione da sei mesi a due anni e con la multa sino a lire 4.000.000.
8. Chiunque, al fine di impedire il libero esercizio del diritto elettorale, fa incetta di certificati elettorali è punito con la reclusione da uno a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000.

5 commenti:

redzeppelin ha detto...

BRAVI!!
così si che vi riprendete l'italia!!
astensionismo attivo??
o passivismo attivo??!!

bravi.
bravi.

questa è la via, per non decidere mai...

elos ha detto...

@ redzeppelin
Scusa, ma cosa ci sarebbe da decidere? Da chi farsi prendere per il culo per i prossimi 5 anni?

Io voto il non-voto attivo... gli altri facciano come credano.

Pozzi Stefano MU Varese ha detto...

Mi spiace ma questa del rifiuto della scheda è una bufala.Infatti il presidente di seggio ha l'obbligo di annullare la scheda dell'elettore che non vota all'interno della cabina.Non essendo contemplata la possibilità di rifiutare la scheda lo stesso si deve attenere a questo articolo del testo unico.Inoltre il segretario può mettere a verbale solo ciò che riguarda il mero processo di votazione all'interno dei seggi (sebbene non specificato).Sennò sarebbe plausibile chiedere di inserire a verbale commenti sul campionato di calcio!! Annullate la scheda che tanto l'effetto è lo stesso e non è vero che le schede bianche o nulle contribuiscono al riparto dei seggi!!
Stefano meetup Varese

brigantre1962 ha detto...

Astenzionismo attivo?? embè, e che c'azzecca con lo schifo politico che abbiamo oggi in Italia. Beppe Grillo dice tante cose giuste, che se fosse candidato avrebbe il mio voto, ma quella di non andare a votare o aderire all'astenzionismo, non la condivido. Perchè non si vedono quali benefici possiamo trarre, noi cittadini da una tale adesione. Tanto, se gli elettori sono in tutto tre, governa quella coalizione o partito che ha totalizzato due dei tre voti. Chi non vota o annulla le schede non fa più notizia. Non concorre a cambiare il paese. Per cambiare un Paese o si dentro la macchina politica o si manda dentro quel candidato che ci garantisce maggiore affidamento.......
Qualcuno dice il meno peggio!!!
brigante1962@libero.it....

Anonimo ha detto...

E' una bufala pura. Il segretario ha l'obbligo di acettare proteste del tipo "La scheda datami e' gia' votata". Non proteste di natura politica (e' vietato all'interno del seggio fare ****qualsiasi**** riferimento ai canditati) questo e' anche nel caso io protesti contro i candidati/partiti. Anziche' perdere tempo a protestare, attivatevi,candidatevi e governate il paesino,il comune,la regione, l'Italia in maniera decente. Riccardo