IL NOSTRO DEBITO PUBBLICO IN QUESTO ISTANTE AMMONTA A:

venerdì 3 ottobre 2008

AGGIORNAMENTO SENTENZE ITALIANE

FUNZIONALITA' DEL SISTEMA GIUDIZIARIO
Il decreto legge n. 143 è stato pubblicato il 16 settembre 2008 sulla Gazzetta ufficiale ed è entrato in vigore il giorno successivo. Entro 60 giorni dovrà essere convertito in legge per non decadere. Il provvedimento è diviso in 4 articoli e si occupa di trasferimento d'ufficio dei magistrati e della loro assegnazione alle sedi, anche disagiate, in particolare rispetto al calcolo delle indennità e delle valutazioni collegate, disciplina il "Fondo unico giustizia" gestito da Equitalia Giustizia s.p.a. e prevede che la copertura finanziaria del decreto sia garantita dalla riduzione del Fondo speciale e dall'utilizzo del Fondo per gli interventi strutturali di politica economica. Leggi il testo del decreto sul sito del Parlamento

IL DECRETO LEGGE SULLA SCUOLA
Il decreto legge n. 137 è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il 1 settembre ed è entrato in vigore lo stesso giorno. Il provvedimento di otto articoli ripristina i voti in decimi, compreso quello in condotta, l'insegnante unico per la scuola primaria, l'adozione quinquennale dei libri di testo e regolamenta l'abilitazione all'insegnamento nella scuola primaria e dell'infanzia, oltre all'accesso alle scuole di specializzazione medica. In particolare, l'articolo 1 prevede che "a decorrere dall'inizio dell'anno scolastico 2008/2009, (omissis), sono attivate azioni di sensibilizzazione e di formazione del personale finalizzate all'acquisizione nel primo e nel secondo ciclo di istruzione delle conoscenze e delle competenze relative a «Cittadinanza e Costituzione», nell'ambito delle aree storico-geografica e storico-sociale e del monte ore complessivo previsto per le stesse. Iniziative analoghe sono avviate nella scuola dell'infanzia. All'attuazione del presente articolo si provvede entro i limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente".Leggi il testo del decreto sul sito del Parlamento

Nessun commento: