IL NOSTRO DEBITO PUBBLICO IN QUESTO ISTANTE AMMONTA A:

venerdì 24 ottobre 2008

GUARDO L'ITALIA E MI CHIEDO MA DOVE VIVO?


Il nostro presidente del consiglio a Washington si esibisce in uno sperticato elogio di Bush, quando ormai anche i repubblicani più oltranzisti lo considerano come un appestato.
Il nostro ministro dell’ambiente Prestigiacomo attacca il protocollo di Kioto.
Il nostro ministro della giustizia Alfano invita la Corte Costituzionale a non toccare il suo omonimo lodo la cui incostituzionalità è evidente e anche ad uno studente al primo anno di legge.
Per non dire poi delle dichiarazioni di altri ministri e ministre: pare di assistere alla parodia delle imitazioni della Cortellesi, di Crozza o dei Guzzanti.
Invece è tutto vero! Sono loro che stanno disegnando il nostro futuro: tutti plaudenti dietro i pifferai che ci trascinano allegramente verso il baratro. Come è potuto accadere?

Nessun commento: