IL NOSTRO DEBITO PUBBLICO IN QUESTO ISTANTE AMMONTA A:

venerdì 6 marzo 2009

ECCO COME CONSIDERANO IL NOSTRO PRIMO MINISTRO IN FRANCIA

Nessun commento: