IL NOSTRO DEBITO PUBBLICO IN QUESTO ISTANTE AMMONTA A:

domenica 16 maggio 2010

LISTE DI MAGGIO

Era di maggio. Il millenovecentottantuno, per l’esattezza. L’otto maggio 1981 due giovani magistrati milanesi, Gherardo Colombo e Giuliano Turone, inviarono al presidente del Consiglio Arnaldo Forlani un elenco con 953 nomi sequestrato ad Arezzo al gran maestro della Loggia P2 Licio Gelli. Dopo averlo tenuto nel cassetto dodici giorni, la sera del 20 maggio Forlani ne autorizzò la pubblicazione. Ministri, parlamentari, generali, direttori di giornale, imprenditori, i vertici delle forze armate e dei servizi segreti: lo scandalo più grave della storia repubblicana. Il governo resistette sei giorni alla bufera. Poi, il 26 maggio, si dimise.Sono passati trent’anni e spunta un’altra lista. Al posto di Gelli c’è l’imprenditore Diego Anemone. Non si parla di associazione sovversiva ma di ristrutturazioni e ricostruzioni edilizie: case, appartamenti, ville in campagna. Per il resto, però, è cambiato poco: tra i 400 nomi ci sono ministri all’epoca in carica (Scajola e Lunardi), ex ministri (Nicola Mancino, oggi vice-presidente del Csm), due giudici della Corte costituzionale (Luigi Mazzella e Gaetano Silvestri: nella casa di Mazzella ci fu una cena con Berlusconi pochi mesi prima della sentenza della Consulta sul lodo Alfano), alti dirigenti Rai (Mauro Masi e Giancarlo Leone), parlamentari, attori, giornalisti, registi… E figli, parenti, mogli in via di divorzio da sistemare. Qualche nome, è incredibile, compare in entrambi gli elenchi. Per esempio, l’ex deputato dc e poi ministro in quota An nel primo governo Berlusconi Publio Fiori: nella lista di Gelli figurava come tessera n.1878, poi prosciolto da ogni addebito, in quella di Anemone è annotato con un appartamento da ristrutturare nel quartiere Prati.Nessuna somiglianza tra le due liste, intendiamoci. Per la P2 l’accusa era di cospirazione contro lo Stato. Dalla loggia di Gelli erano passati tutti i più delicati misteri italiani: stragi, scandali, il rapimento Moro, il crack del Banco Ambrosiano. Anche se, ancora oggi, c’è chi si ostina a rappresentare gli affiliati di Gelli come un gruppo di amiconi in gita scolastica. “La P2 era un club, un modo di creare relazioni”, l’ha liquidata l’altro giorno Giorgio Stracquadanio del Pdl. Per i clienti di Anemone si parla di sciacquoni, tapparelle, tappezzeria, doppi vetri alle finestre, mobiletti, piastrelle del bagno: niente che possa attentare alla democrazia, d’accordo.

Dalla Libera Muratoria al Muratore Scontato, dal Gran Architetto dell’universo all’architetto Zampolini, non è la stessa cosa, no.Eppure è la stessa Italia e lo stesso modo di farsi largo, di comandare, di vivere. A colpi di conoscenze, di raccomandazioni, di pubbliche relazioni. Gli amici degli amici, i favori, le attenzioni per mogli e figli perché altrimenti che senso avrebbe dirsi cattolici, professare il valore della famiglia, principio non negoziabile (è tutto il resto che lo è)? Nella lista di Gelli c’era una certa Italia: affarista con il pretesto dell’anti-comunismo e della fedeltà atlantica. In quella di Anemone ci sono il Viminale, la Rai, il Vaticano, il Viminale, i funzionari pubblici, i servizi segreti. In una parola, Roma. Con le sue frequentazioni e le sue seduzioni.La pubblicazione della lista Gelli, nel 1981, provocò un terremoto, la caduta del governo Forlani, per la prima volta la Dc perse palazzo Chigi. L’uscita della lista Anemone, nel 2010, fa tremare il Palazzo. In queste ore le voci si rincorrono: prossimi arresti, dossier, altri ministri coinvolti, la maggioranza allo sbando, Fini in attesa, Tremonti silente, il Quirinale preoccupato… E vacilla Silvio Berlusconi. Al posto di Forlani oggi c’è lui. La tessera numero 1816 di quell’elenco di trent’anni fa. Era di maggio.

Nessun commento: